Posso dimagrire e stare a dieta senza pesare?

  1. Cosa vuol dire dimagrire?
  2. Cosa devo fare per dimagrire?
  3. Dieta senza pesare gli alimenti?
  4. Quindi posso mangiare quello che voglio purché la giornata sia ipocalorica?
  5. E allora che si fa?

Dottoressa ma devo pesare tutto?

È una domanda che mi viene posta spesso e in questo articolo cercherò di darvi la risposta.

Cosa vuol dire dimagrire?

Partiamo dalle basi. Dimagrire è inteso come perdita di massa grassa e non come semplice perdita di peso, sono due cose ben diverse.

La semplice perdita di peso non è garanzia di dimagrimento. Il peso può diminuire anche per la perdita di acqua o di massa muscolare o più semplicemente di massa magra. La massa magra è nell’organismo tutto ciò che non è grasso.

Io posso dimagrire anche mantenendo il peso esattamente uguale. È quello che succede nella ricomposizione corporea, perdita di massa grassa e aumento di massa magra a parità di peso.

Chiarito cosa vuol dire dimagrimento, cerchiamo di capire come si fa a dimagrire.

Cosa devo fare per dimagrire?

La massa grassa è per l’organismo un deposito di carburante per produrre energia. L’energia quotidiana dell’organismo proviene dall’alimentazione e dalle scorte di nutrienti che ha.
Semplificando molto, se un organismo consuma tanto quanto entra, il peso si mantiene perché non ha bisogno di attingere dalle proprie scorte.
Se un organismo consuma meno di quello che entra, il peso aumenta perché l’eccesso viene immagazzinato. Se consuma più di quello che entra, il peso cala perché inizia ad attingere dalle proprie scorte.

Per perdere massa grassa devo quindi creare un deficit energetico e posso farlo in due modi. Posso aumentare il dispendio energetico con l’attività fisica o diminuire “ciò che entra” con una dieta ipocalorica che crea un deficit rispetto al mio fabbisogno. Ovviamente se unisco le due cose, attività sportiva e dieta, posso permettermi un taglio calorico più modesto sull’alimentazione perché l’attività sportiva mi aiuterà ad aumentare il mio dispendio energetico.

Dieta senza pesare gli alimenti?

Se ho deciso di dimagrire aiutandomi solo con la dieta, cosa comunque sconsigliata, devo essere sicura di creare un deficit energetico.
Ciò significa che non mi basterà mangiare petto di pollo alla piastra, riso in bianco e lattuga scondita, ma dovrò avere un controllo anche sulle porzioni.
Mangiare alimenti “sani” non è garanzia di dimagrimento. Io posso anche ingrassare mangiando pollo e riso scondito, dipende da quanto ne mangio.

Quindi, se voglio mangiare un po’ di tutto e mantenere un’alimentazione varia, sì, devo pesare per essere sicura di rimanere dentro una dieta ipocalorica.

E non pensiate che le diete dove non si pesa non siano ipocaloriche, c’è sempre il trucchetto per renderle ipocaloriche. Questi trucchetti possono spaziare dalla dieta mono-alimento che nauseandomi a poco a poco mi porterà a ridurre le porzioni (rimando a dopo quanto sia giusto questo approccio), dal mettere un bel passato/minestra al giorno per dare un taglio calorico alla giornata, dalla sostituzione di un pasto con uno shake fatto di “polverine di frutta e verdura” (vi ricorda nulla???) e così via.

Quindi posso mangiare quello che voglio purché la giornata sia ipocalorica?

No, non basta il semplice conteggio delle calorie. La dietetica basata solo sul conteggio delle calorie è ormai obsoleta. Ogni alimento ed ogni pasto innescano precisi meccanismi e danno segnali diversi al nostro organismo. Questi segnali dipendono dai nutrienti contenuti negli alimenti, sia come macronutrienti (carboidrati, proteine, grassi) che come micronutrienti (vitamine e minerali). Quindi, non posso pensare di passare la mia giornata mangiando dolci anche se entro le calorie giornaliere e non avere nessun effetto metabolico.

Diciamo che questi sono meccanismi tipici del fai da tè, dalla dieta mono-alimento alle diete dove, per non fare “sacrifici” sugli alimenti preferiti e poco “salutari”, si tagliano magari interi pasti per compensare. State certi che facendo così, quello che perderete è sì peso, ma non grasso, bensì massa magra ovvero acqua e massa muscolare.

E allora che si fa?

Quando avrete deciso di dimagrire e volete fare un percorso alimentare, affidatevi a persone serie e competenti (dietisti, dietologi, biologi nutrizionisti) che possano controllare man mano come varia la vostra composizione corporea.

E no, i personal trainer non rientrano in questa categoria. Dai personal trainer dovete andare invece per farvi aiutare con l’attività sportiva, è quello il loro lavoro!

Vi ho convinti sul fatto che non esistono le diete magiche?  😉

Lascia un commento