Nutrizione & Lifestyle

Zucca e semi di zucca

zucca
Scritto da Sara Nanì

La zucca è uno degli ortaggi tipicamente autunnali anche se in alcune regioni d’Italia viene coltivata tutto l’anno.

Grazie al suo sapore dolciastro si presta sia a piatti dolci che salati e le ricette non mancano!

Proprietà

E’ uno di quegli alimenti che sono allo stesso tempo nutrienti e ipocalorici quindi adatti alla perdita di peso.

E’ povera di sodio e ricca di potassio divenendo un ottimo antipertensivo, non contiene colesterolo ne grassi, ma apporta tanti minerali come calcio, ferro, magnesio, zinco, fosforo e selenio.
Lo zinco è un antiossidante che protegge dallo stress ossidativo e quindi  da malattie ed invecchiamento.
Il fosforo è importante per creare fosfolipidi, ovvero i “mattoni” della membrana cellulare, e per la salute dello scheletro.

E’ fonte di vitamine come la vitamina A, C, E e vitamine del gruppo B come l’acido folico e la niacina (se vuoi sapere le funzioni delle varie vitamine, leggi l’articolo Le vitamine: quali sono e dove le troviamo?).

Su 100 g di zucca, 92 g sono costituiti da acqua, 6 g da carboidrati e 1 g da proteine. Tra i carboidrati sono presenti le fibre: utili al transito intestinale, al mantenimento del livello di zuccheri nel sangue e ad abbassare il colesterolo (articolo di approfondimento Il colesterolo: cos’è? Uovo si o uovo no?).

Altro micronutriente importantissimo della zucca sono i carotenoidi. I carotenoidi sono contenuti in tutti i vegetali di colore giallo, arancio e rosso. Il nostro organismo converte alcuni di questi in vitamina A, mentre altri come la luteina e la zeaxantina, sono dei potenti antiossidanti contro i radicali liberi che possono danneggiare le membrane cellulari e il DNA portando a malattie croniche o a forme tumorali.

Valori nutrizionali

zucca calorie

Quale scegliere al supermercato?

Se la zucca è intera deve avere la buccia integra e soda, liscia o con solcature in base alla varietà, ma priva di muffe, ammaccature, rammollimenti o chiazze decolorate; se a fette state attenti sempre alla buccia, anche qui deve essere integra, non ammaccata o rammollita e nemmeno a macchie, mentre la polpa deve avere colore intenso e deve essere asciutta.

E i semi di zucca?

I semi di zucca sono un ottimo alimento che negli ultimi tempi inizia ad essere consumato non solo  assieme alla frutta secca nelle feste natalizie, ma anche come fonte di proteine, minerali, vitamine e grassi buoni nelle insalatone o come spuntino.

Sono utili ad abbassare il colesterolo, a proteggere dalle infezioni urinarie e a inibire la proliferazione della prostata. Sono ottimi come spuntino contro i cali di energia, hanno un effetto antidiabetico grazie alla regolazione dell’insulina, contengono fitoestrogeni utili a combattere i sintomi della menopausa, hanno un effetto antinfiammatorio e apportano triptofano, un aminoacido che aiuta ad avere un sonno più ristoratore.

Quanti mangiarne? Una porzione di 20-30 g al giorno va più che bene.

Quali comprare? Evitate quelli salati se volete uno spuntino più sano e state attenti anche al tipo di trattamento subito, spesso, trattamenti termici troppo aggressivi portano alla formazione di grassi trans nocivi alla salute.

Esistono in commercio dei semi di zucca non salati e senza aver subito trattamenti termici aggressivi, un esempio sono questi che vi riporto sotto che sono anche biologici, scegliete bene quando acquistate leggendo le etichette!

Dimenticavo…presto una ricetta con la zucca e, se non volete perdervela, seguitemi su Facebook nella pagina Life is Food! 😉

semi-di-zucca

 

Semi di zucca

 

 

 

 

 

Sull'autore

Sara Nanì

Benvenuto nel mio blog! Sono Sara Nanì una Biologa Nutrizionista di Verona che adora cucinare. La mia filosofia è cercare di unire "sano" e "gustoso" nello stesso piatto per un benessere fisico e mentale, in un viaggio verso la conoscenza della salute, perché se la conosci, sai anche come mantenerla!

Lascia un commento